AMELUK

 

Una storia che potrebbe essere vera, perché mai come oggi la politica manipola tutto ciò che dovrebbe essere limitato alla sfera religiosa…

Regia: Mimmo Mancini. Interpreti:  Mehdi Mahdloo Torkaman, Mimmo Mancini, Claudia Lerro, Paolo Sassanelli, Francesca Giaccari, Dante Marmone. Genere: commedia. Durata: 98 min. Nazione, anno: ITA, 2015. Uscita: 9 aprile 2015.

Ameluk

AMELUK – SINOSSI E RECENSIONE

AMELUK – SINOSSI

A Mariotto, un paesino della Puglia, vive Jusuf, immigrato giordano, insieme alla moglie italiana Maria e al figlio. All’arrivo della Pasqua, il parrucchiere Michele, che ha il ruolo di Gesù nella Via Crucis, si siede per sbaglio sulla corona di spine e si trova costretto a dare forfait. Il parroco chiede a Jusuf – musulmano – di sostituirlo: un affronto che la piccola comunità non riesce proprio a mandare giù, istigata da un pugno di politici non proprio integerrimi.

AMELUK – VI DICIAMO LA NOSTRA

Si ride, ma il tema di fondo di questa commedia è tutt’altro che leggero. Mancini – che oltre a esordire alla regia interpreta il politico più viscido del circondario – confeziona un film godibile e curato, con bravi interpreti, anche se a tratti calca un po’ troppo la mano sulla “pugliesità”, cadendo nello stereotipo. Tutto il mondo è paese, ci viene da pensare seguendo le manipolazioni dei politici locali o assistendo alla reazione dei “bravi cristiani” alla notizia che a portare la croce sarà un musulmano, e quindi certamente un terrorista! Tra gag divertenti e situazioni volutamente parodistiche, si riflette sull’assurdità dei pregiudizi.

 

VUOI LEGGERE I MIGLIORI LIBRI SULLA COMICITÀ MONDIALE? VIENI SU WWW.LIBRIDIVERTENTI.IT.

Author: Laura Bosisio

Share This Post On