AMERICANATE PER L’ESTATE

Quest’estate al cinema non vedremo di tutto. Ma il contrario di tutto.

suicide

Suicide Squad. Il Cast Sorridente.

Pioggia battente, luna nascosta da nuvoloni temporaleschi e nelle campagne le lucciole ritardano il loro arrivo a causa delle basse temperature, sempre che non abbiano deciso di riscaldarsi vicino a falò di copertoni. Sta per arrivare l’estate, anche se questa tarda primavera ci sta offrendo un giugno instabile, che sembra il marzo pazzarello dei proverbi, quello per intenderci in cui “guardi il sole e prendi l’ombrello”.

Cinematograficamente parlando, questa sovversione in termini climatici sembra in linea con le americanate made in Hollywood che porteranno un po’ di insana follia nelle sale, solitamente vuote nelle sempre più brevi e afose estati italiane. Infatti questa estate sbarcheranno dagli States una serie di action comedy in cui la norma viene invertita: i cattivi dei supereroi salveranno la terra, un tipo soggetto vittima di bullismo ai tempi del college diventa un super agente molto figo della CIA e infine, senza andare a Casablanca per cambiar sesso, i Ghostbusters sono diventati le Ghostbusters.

Suicide Squad
L’altra notte durante gara tre delle NBA Finals è passato lo spot di Suicide Squad, film che ben si intreccia con gli alley oop di Lebron James, che è la cosa più sovrumana della terra. Suicide Squad uscirà in Italia il 18 agosto e vede come protagonisti un gruppo di supercattivi dei fumetti DC Comics, che già dal trailer si apprestano a diventare i peggiori eroi di sempre, peggio pure di Deadpool Il gruppo è composto da Joker, Harley Quinn, Killer Croc e Deadshot. La particolarità è che nel film devono fare cose da buoni, tipo salvare la terra, tua mamma e tua sorella. Il cast del film è letteralmente stellare con, fra gli altri, Will Smith, Jared Leto, Margot Robbie, Joel Kinnaman, Scott Eastwood e udite udite, sua bellezza inarrivabile Cara Delevingne.
Non vedo l’ora che sia in sala solo perché il 21 agosto finiscono le mie di ferie. Sempre che non mi licenziano prima.

Chi sarà dei due il wrestler?

Una spia e mezzo
È di sicuro il più perdibile delle Americanate per l’Estate, però la sua trama bene si infila con il fil rouge di questo articolo. Ma non ne parlo per questo motivo. Ne parlo perché il protagonista è Dwayne Johnson, il wrestler The Rock. Metti caso che dalla sua villa hollywoodiana apra il sito di Sagoma e legga questo articolo. Fa tu che non ci trova Una spia e mezzo e s’incazzi. Pensa se chiama in redazione e sbraita:”Ma cazzo faccio un film divertente, in cui colui che una volta era vittima di bullismo a scuola è diventato poi un letale agente della CIA. Non vedete l’evidente inversione di termini, degna di questo articolo? E poi è pure impegnato, affronta la tematica del bullismo. Ora vengo lì e ti spacco il culo.
OK la smetto col meta-giornalismo autoreferenziale: il film esce il 14 luglio, a far coppia con The Rock ci sarà Kevin Hart, una sicura garanzia di boiate per l’estate. E comunque The Rock non mi minaccerà mai. Ci provasse. Codardo.

A ridatece er Mastro de Chiavi

Ghostbusters
Come anticipato da tutto il mondo reale e spettrale, il 28 luglio uscirà in Italia Ghostbusters, film che ha catturato l’attenzione per un nobile dibattito: è un remake o reboot? Non ho ancora capito quale sia la differenza fra le due cose, l’unica news degna di nota è, per chi ancora non lo sapesse, che il cast è completamente al femminile e sto giro ci saranno le acchiappafantasmi.
Un serio dibattito per dipanare il quesito se trattasi di remake o un reboot si è svolto al Jimmy Kimmel Live dove il vecchio cast ha incontrato il nuovo cast. Come testimoniano le immagini purtroppo tutto è finito a tarallucci e vino e ci è toccato guardare un tarantolato Bill Murray  in preda al ballo San Vito sulle note della celebre colonna sonora di Rey Parker Jr., suonata da Rey Parker Jr. in persona che un po’ si vergognava per Murray. Rumors vogliono che Bill quest’anno sia protagonista della Notte della Taranta 2016. Acchiappatelo prima che sia troppo tardi.

 

Raffaele Palumbo

Author: Raffaele Palumbo

Figlio non riconosciuto di Virginia Woolfe e Irvine Welsh, fu concepito nella peggiore toilette della Scozia la notte in cui il Muro di Berlino cadde nel Cielo Sopra Berlino. Ama scippare alle poste, fare l'aperivita fra Corso Como 10 e il Frida, trollare sul web. Dopo aver donato il fegato ai peggiori bar di Caracas si è laureato in Lettere Moderne all'Università Federico II di Kagoshima corrompendo tutti i prof. col frutto dei suoi scippi. Nella vita si occupa di tecnologia e umorismo. È bipolare. Non vede i refuusi.

Share This Post On