Amore, cucina e curry – recensione