BRANCALEONE ATTO TERZO

 

Ritornano Brancaleone e il suo esercito con un nuovo atto sull’Italia di oggi

Branca Branca Branca! Leon, Leon, Leon… fii… Bum! Questo era il motivetto che negli anni ’60 scandiva le sequenze de L’Armata Brancaleone, una delle migliori commedie italiane di sempre. Un tormentone che presto sentiremo risuonare: il 3 giugno verrà presentato a Roma (all’Istituto “Roberto Rossellini“) La Nuova Armata Brancaleone, un mediometraggio firmato dall’inossidabile Mario Monicelli, oggi splendido novantacinquenne, scritto con Mimmo Calopresti e prodotto da Renzo Rossellini

L’Armata Brancaleone originale venne presentato in concorso al 19° Festival del cinema di Cannes, nel 1966: scritto dal duo Age e Scarpelli, ebbe un successo enorme. Campione di incassi, raccolse consensi un po’ ovunque. Nel cast figuravano Vittorio Gassman (Brancaleone da Norcia), Gian Maria Volonté (Teofilatto), Enrico Maria Salerno (il monaco Zenone) e Catherine Spaak (la bella Matelda). La pellicola affrontava i argomenti cari al regista, come l’amicizia (tema ripreso poi in Amici Miei e Amici Miei – Atto II), la figura del perdente, la morte. Ne seguì un secondo atto, Brancaleone alle Crociate, sempre con Gassman più Paolo Villaggio e Gigi Proietti.

Fino ad oggi nessuna notizia era trapelata su questo inatteso sequel, anche perché Monicelli aveva voluto lavorare in gran segreto. Come dichiarato sul sito dell’Istituto: “La Nuova Armata Brancaleone è uno spaccato dell’Italia di oggi con le sue speranze, le sue illusioni, i suoi vizi e le sue virtù e con un’ipotesi su un futuro prossimo venturo. Tutto visto con l’occhio acuto e sardonico di un maestro del cinema che l’Italia la conosce e capisce bene, e non solo da oggi”. Monicelli ha voluto girare con attori non professionisti e a quanto pare la pellicola parteciperà fuori concorso al Festival del Cinema di San Sebastian. L’unica domanda da porsi è se il film, in quanto mediometraggio, vedrà mai la luce al cinema o perlomeno avrà mai un passaggio in TV. 

Carlo Amatetti

Author: Carlo Amatetti

Carlo Amatetti è l'editore di Sagoma, casa editrice specializzata in comicità e humour. Combatte da sempre per l'idea che anche la comicità debba entrare a buon diritto nell'ambito della cultura. Sorprendendosi che si debba ancora farlo...

Share This Post On