BRUTTI E CATTIVI

Brutti e cattivi

Regia: Cosimo Gomez Con: Claudio Santamaria, Marco D’Amore, Sara Serraiocco, Simoncino Martucci, Narcisse Mame . Genere: Commedia.  Durata: 87 min. Nazione, anno:  Italia, 2017. Uscita: 19 ottobre 2017.

Brutti e cattivi

 Brutti e cattivi – SINOSSI
Il Papero, Ballerina, Il Merda e Plissé si improvvisano rapinatori per il colpo che cambierà la loro vita. Non importa se il primo è senza gambe, Ballerina, la sua bellissima moglie, non ha le braccia, se Merda è un rasta tossico e Plissé un nano rapper. Sono solo dettagli. Per loro non ci sono ostacoli. Solo sogni.Anche se, dopo il colpo, le cose si complicano: ogni componente dell’improbabile banda sembra avere un piano tutto suo per tenersi il malloppo. Tutti fregano tutti senza nessuna pietà in una girandola di inseguimenti, cruente vendette, esecuzioni sanguinose e tradimenti incrociati.

 

Brutti e cattivi – RECENSIONE
Film oltraggioso, cattivo e molto originale che fa capire una volta per tutto che sei hai un problema fisico, stai su una sedia a rotella, sei in nano o peggio ancora un povero storpio, insomma se sei un mostro di periferia o un freak, anche tu hai il diritto di essere come gli altri e se ti gira, di essere cattivo. Questo è sicuramente un film italiano da non perdere, che non punta ad uscire in pareggio ma che ha prima di tutto un’idea (appunto il diritto di essere dei bastardi) e che racconta molto bene una storia nera e divertente. E adesso andate al cinema prima che vi veniamo a prendere a calci in culo uno alla volta.

 

Author: Raffaele Palumbo

Figlio non riconosciuto di Virginia Woolfe e Irvine Welsh, fu concepito nella peggiore toilette della Scozia la notte in cui il Muro di Berlino cadde nel Cielo Sopra Berlino. Ama scippare alle poste, fare l'aperivita fra Corso Como 10 e il Frida, trollare sul web. Dopo aver donato il fegato ai peggiori bar di Caracas si è laureato in Lettere Moderne all'Università Federico II di Kagoshima corrompendo tutti i prof. col frutto dei suoi scippi. Nella vita si occupa di tecnologia e umorismo. È bipolare. Non vede i refuusi.

Share This Post On