CHE CASOTTO 30 ANNI DOPO

 

Al via il remake del classico degli anni Settanta di Sergio Citti

Una cosa è certa: il remake è l’unico film che non tramonta mai, a Hollywood come a Cinecittà. Tra i progetti in cantiere nel Belpaese c’è infatti la riedizione di una pellicola molto particolare, Casotto, uscita sul finire degli anni ’70.

Per chi non la conoscesse, Casotto è una commedia caustica e feroce, firmata da Sergio Citti, che sbeffeggia la società di quegli anni, in bilico fra bigottismo e rivoluzione sessuale. Una ventina di persone trascorrono una giornata sul lido di Ostia e si ritrovano a spogliarsi nello stesso casotto, la cabina n.19. Si intrecciano così le vicende di personaggi diversissimi tra loro, come prostitute, turisti, allegre famigliole o amici in vena di goliardie. 

Il film originale aveva Gigi ProiettiUgo Tognazzi, Jodie Foster, Michele Placido, Mariangela Melato, Franco Citti, Paolo Stoppa, Catherine Deneuve. Il remake s’intitolerà Tutti Al Mare e avrà come attori Marco Giallini, Ilaria Occhini e Ambra Angiolini in un ruolo gay. Il regista designato è Matteo Cerami, figlio di Vincenzo, nonché scrittore di entrambe le sceneggiature, la vecchia e la nuova. 

Era necessario questo rifacimento? Mah, il titolo è diverso e al posto della cabina ci sarà un chiosco: forse non sarebbe neppure lecito parlare di remake. Casotto è un film esemplare sullo smarrimento e sul cambiamento di un periodo storico molto preciso e riproporre quelle pruderie o le “marachelle” dell’Italietta aggiornate ai giorni nostri avrebbe poco senso, se non come divertissement in costume da bagno.

 

Carlo Amatetti

Author: Carlo Amatetti

Carlo Amatetti è l'editore di Sagoma, casa editrice specializzata in comicità e humour. Combatte da sempre per l'idea che anche la comicità debba entrare a buon diritto nell'ambito della cultura. Sorprendendosi che si debba ancora farlo...

Share This Post On