CINQUANTA SBAVATURE DI NERO

 

CINQUANTA SBAVATURE DI NERO

Titolo originale: Fifty Shades of Black. Regia: Michael Tiddes. Interpreti: Marlon Wayans, Kali Hawk, Mike Epps, Jane Seymour
SCENEGGIATURA: Rick Alvarez, Marlon Wayans
. Durata: 110 min. Nazione, anno: USA 2016. Uscita: 18 febbraio 2016.

CINQUANTA SBAVATURE DI NERO – SINOSSI E RECENSIONE

CINQUANTA SBAVATURE DI NERO – SINOSSI

Il milionario maniaco del controllo Christian Black introduce la timida studentessa universitaria Hannah Steele al mondo del romanticismo, dopo che lei lo intervista per il giornale scolastico. Il loro rapporto esilarante e vizioso prosegue, nonostante le notevoli carenze amatorie di Christian e le eccessive stranezze della razzista madre adottiva Claire, il fratello superdotato Eli e la ninfomane compagna di stanza di Hannah, Kateesha.

articolo 600

CINQUANTA SBAVATURE DI NERO – VI DICIAMO LA NOSTRA

Dopo l’Orgoglio e Pregiudizio da paura nella versione Zombie, torna alla carica una parodia di un libro di successo. Il regista Michael Tiddes (dopo Ghost Movie, Ghost Movie 2) questo giro sbeffeggia la trilogia erotica delle 50 sfumature, in particolare l’arrapante Cinquanta Sfumature di Grigio, ma anche altri cult cinematografici del genere pornazzo ma non posso come Magic Mike e Nymphomaniac. Le gag si snodano tra improbabili giochi erotici, incontri eccentrici e situazioni paradossali. Ma il film non decolla mai, forse perché il genere della parodia demenziale è stato così saccheggiato da non avere più nulla da dire. E come nella peggiore TV italiana, cosa si fa quando non si ha più nulla da aggiungere? La si butta sul sesso. E come diceva il mitico Francesco Nuti: “E ora si tromba!

 

Raffaele Palumbo

Author: Raffaele Palumbo

Figlio non riconosciuto di Virginia Woolfe e Irvine Welsh, fu concepito nella peggiore toilette della Scozia la notte in cui il Muro di Berlino cadde nel Cielo Sopra Berlino. Ama scippare alle poste, fare l'aperivita fra Corso Como 10 e il Frida, trollare sul web. Dopo aver donato il fegato ai peggiori bar di Caracas si è laureato in Lettere Moderne all'Università Federico II di Kagoshima corrompendo tutti i prof. col frutto dei suoi scippi. Nella vita si occupa di tecnologia e umorismo. È bipolare. Non vede i refuusi.

Share This Post On