IL CONDOMINIO DEI CUORI INFRANTI

 

IL CONDOMINIO DEI CUORI INFRANTI

Titolo originale: Il condominio dei cuori infranti Regia: Samuel Benchetrit Con: Isabelle Huppert, Gustave Kervern, Valeria Bruni Tedeschi, Tassadit Mandi, Jules Benchetrit Genere: Commedia Durata: 100 min. Nazione, anno: Francia, Gran Bretagna 2015. Uscita: 24 marzo 2016.

IL CONDOMINIO DEI CUORI INFRANTI – SINOSSI E RECENSIONE

IL CONDOMINIO DEI CUORI INFRANTI – SINOSSI

Un palazzo di periferia in una anonima cittadina francese. Un ascensore in panne. Tre incontri improbabili. Sei personaggi insoliti. L’aspirante fotografo Sternkowitz e l’infermiera, l’attrice in pensione Jeanne, il giovane Charly, l’astronauta McKenzie e la signora Hamida. Dei solitari che si troveranno uniti da un grande sentimento di tenerezza, rispetto, compassione.

IL CONDOMINIO DEI CUORI INFRANTI – RECENSIONE

Commedia surreale e sociale di Samuel Benchetrit che tratta il tema dell’emarginazione raccontando e intrecciando le storie di sei personaggi particolari. Con inquadrature fisse, poco movimento e filtri grigi che trasmettono volutamente malinconia, Il condominio dei cuori infranti si ispira a due racconti di “Chroniques de l’asphalte” e grazie allo scrittore e regista originale, riesce a trasmettere un contenuto emotivo d’impatto. I sei personaggi incarnano la solitudine contemporanea riuscendo tuttavia a sfuggire dagli stereotipi grazie a battute secche e humor che li inchioda al loro ruolo. Il condominio dei cuori infranti non è la classica commedia ma una trasposizione cinematografica di una poetica rappresentazione della quotidianità, il bilico tra sogno e realtà dei suoi protagonisti, tutti ben caratterizzati. L’amore è ciò che può salvarci, questo è il messaggio ultimo che ci viene trasmesso dalla pellicola. Uno sguardo a quest’opera non va negato…

Riccardo Assi

Author: Riccardo Assi

Share This Post On