PATRUCCO & MIRÒ? DEGNI DI NOTA!

Martedì 28 luglio debutta a Milano il nuovo spettacolo della coppia (artistica) Alberto Patrucco e Andrea Mirò alle prese con le melodie di Georges Brassens e Giorgio Gaber. C’è altro da dire?

Un Teatro musicale coinvolgente e graffiante privo di retorica e tormentoni, nel quale ironia, musica e riflessione, per una volta, sono padrone di casa insieme alle parole e alle melodie di Georges Brassens e Giorgio Gaber, artisti unici dotati di genialità senza eguali. Un incontro tra canzone d’autore e comicità, senza che una dimensione prevarichi l’altra, sul filo di emozioni da anni dimenticate che si colorisce qua e là di suoni e poesia.

patrucco_degni-di-nota

Tutto questo è “Degni di nota”, lo spettacolo scritto da Alberto Patrucco e Antonio Voceri e che vede protagonisti lo stesso Patrucco assieme al raffinato talento di Andrea Mirò. La formula ormai più che testata da Alberto in cui il monologo artistico si alterna alla canzone con “Degni di nota” viene impreziosita da un impianto teatrale grazie all’abile contributo del regista Emilio Russo. I preziosi arrangiamenti musicali di Daniele Caldarini e Andrea Mirò sono affidati, oltreché alla loro maestria esecutiva, anche a quella di Francesco Gaffuri al contrabbasso e basso elettrico e Giuseppe Gagliardi alla batteria e alle percussioni.

La data unica di martedì di questa produzione targata TieffeTeatro Milano all’Elfo Puccini è una sorta di prova generale del tour teatrale che vedrà la coppia Patrucco-Mirò protagonista del teatro invernale italiano. Insomma una “prima” da non perdere per tutti coloro che amano il teatro e la musica di qualità. E non disdegnano ridere nel goderne.

info e prenotazioni:
TEATRO Elfo Puccini
corso Buenos Aires 33
biglietteria@elfo.org – tel. 02 0066 0606

VUOI LEGGERE I MIGLIORI LIBRI SULLA COMICITÀ MONDIALE? VIENI SU WWW.LIBRIDIVERTENTI.IT.

Carlo Amatetti

Author: Carlo Amatetti

Carlo Amatetti è l'editore di Sagoma, casa editrice specializzata in comicità e humour. Combatte da sempre per l'idea che anche la comicità debba entrare a buon diritto nell'ambito della cultura. Sorprendendosi che si debba ancora farlo...

Share This Post On