CHE FINE HA FATTO JIM CARREY?

Jim Carrey non fa più ridere. Non è sul viale del tramonto. È letteralmente tramontato. Troppi film non degni delle sue premesse han fatto sì che nei suoi ruoli non lasci più il segno. E i suoi film non creano più attesa.

In più Jim Carrey ha un grandissimo problema col web. Ci passa troppo tempo e se le beve tutte. Le sue battute si sono ridotte alle 140 per scrivere un tweet e non fanno ridere. Sembrano quelle di Renzi. Per lo più sono le battute necessarie per portare avanti la sua battaglia contro i vaccini tossici per bambini che, come la comunità scientifica sostiene, non esistono. O almeno non esistono nei termini in cui ne parlano lui e la sua ex moglie Jenny McCarthy (per avere un’idea della loro incompetenza, Jenny non ha mai nascosto di essersi laureata alla Google University, ed è una fervida sostenitrice di tante assurdità divulgate sul web). A proposito di 140 battute d’infelicità, nel 2010 Carrey e la McCarthy hanno utilizzato proprio Twitter per annunciare al mondo il loro divorzio.

CKISeW-UkAAJMTWChe tristezza. Insomma anche se trionfa l’amicizia e la civiltà, il tutto è avvolto da quel senso di decadenza che accompagna i film di Jim degli ultimi anni: c’è veramente qualcuno fra voi che ricorda titoli come I pinguini di Mr. PopperThe Incredible Burt WonderstoneScemo & + scemo 2 con la stessa passione che si può provare davanti a capolavori del calibro di Ace Ventura, The Mask, e Scemo & più scemo o di lavori più impegnati, ma ugualmente eccezionali, come Man on the Moon o The Truman Show?

Ma soprattutto, c’è qualcuno fra voi che annuncerebbe il suo divorzio via Twitter?

Negli anni Novanta Jim era considerato il re della commedia. L’unico e reale erede di Jerry Lewis. La notizia che avrebbe ricevuto 20.000.000 di dollari per recitare ne Il Rompiscatole, dopo aver inanellato una serie di successi pazzeschi, fece tremare Hollywood. Era pronto anche per ruoli drammatici. Carrey profuma di Oscar con Man on the Moon. Purtroppo la sua striscia vincente si ferma lì. Dopo solo discreti successi o film flosci, ma lontani anni luce dai tuoi capolavori e soprattutto, dai suoi incassi.

https://twitter.com/JimCarrey/status/644295816098639872

Jim Carrey fotografato dalla sua ex compagna 28enne Cathriona White

Ma che diavolo è successo, Jim? Eppure di momenti duri ne hai affrontati nella tua vita. Noi sei un bamboccio, la tua biografia parla chiaro: hai le palle.

Ultimo di quattro fratelli, nasce in un sobborgo di Toronto. Suo padre Parcy, come lavoro ufficiale fa il contabile, ma ha anche un discreto feeling con la la musica, suonando il sassofono e il clarinetto. Sua madre Katleen è cronicamente malata. Jim invece non ha tanta voglia di studiare ed è pure parecchio irrequieto. Frequenta in modo irregolare l’Aldershot High School di Burlington, i professori pur di fargli combinare qualcosa lo obbligano ad iscriversi a corsi di teatro che si svolgono al di là dell’orario scolastico. Durante le lezioni fanno scalpore le sue imitazioni di due icone del cinema, James Stewart ed Henry Fonda. A dodici anni suo padre perde il lavoro, la famiglia viene sfrattata e vive in una roulotte. A soli 15 anni lascia il liceo, dividendosi tra la catena di montaggio nell’acciaieria Titan e la vita notturna di cabarettista allo Yuk Yuk’s Comedy Club di Toronto. Non dimentichiamo però che ha un padre che ama l’arte, e col suo supporto Jim dà vita a strepitose performance da Stand up Comedy. In poco tempo il suo talento emerge. Cattura l’attenzione di Rodney Dangerfield, famoso attore comico (fra tutti il ruolo di Ed Wilson, padre di Mallory in Assassini nati – Natural Born Killers) noto anche per lanciare giovani promesse. E infatti gli affida l’apertura dei suoi spettacoli che porteranno Carrey fino a Las Vegas.

Da Las Vegas a Los Angeles il passo è breve e Jim inizia a bazzicare gli studi televisivi: lo si vede in Happy Days e nel The Tonight Show with Johnny Carson (qui in basso la sua apparrizione nel 1983).

copper-mountainMa anche in film a basso costo come The Sex and Violence Family Hour. Poi la sua fama inizia a crescereall-in-good-taste, è protagonista di pellicole sgangherate come All in Good Taste (eloquente la locandina) e Copper Mountain.

Arriva il successo con Le Ragazze della Terra sono Facili e da lì è storia nota.
Quello che resta oscuro invece è come mai dal 2000 ad oggi, a parte Se mi Lasci ti Cancello del geniale Michel Gondry, abbia inanellato come film solo Una Serie di Sfortunati Eventi.
Più che il titolo di un film sembra una premonizione.

Jim Carrey,. Per la serie quando le cose gli andavano da Dio

Jim Carrey,. Per la serie quando le cose gli andavano da Dio

 

Raffaele Palumbo

Author: Raffaele Palumbo

Figlio non riconosciuto di Virginia Woolfe e Irvine Welsh, fu concepito nella peggiore toilette della Scozia la notte in cui il Muro di Berlino cadde nel Cielo Sopra Berlino. Ama scippare alle poste, fare l'aperivita fra Corso Como 10 e il Frida, trollare sul web. Dopo aver donato il fegato ai peggiori bar di Caracas si è laureato in Lettere Moderne all'Università Federico II di Kagoshima corrompendo tutti i prof. col frutto dei suoi scippi. Nella vita si occupa di tecnologia e umorismo. È bipolare. Non vede i refuusi.

Share This Post On