FRANK

 

Un film che all’inizio ricorda Wes Anderson, ma che si sviluppa in modo inaspettato e sfugge a ogni classificazione

Regia di: Lenny Abrahamson. Interpreti: Michael Fassbender, Domhnall Gleeson, Maggie Gyllenhaal.  Genere: commedia. Durata: 95 min. Nazione, anno: UK, Irlanda, USA, 2014. Uscita: 6 novembre 2014.

FRANK – SINOSSI E RECENSIONE

FRANK – SINOSSI

Jon, aspirante musicista alla disperata ricerca dell’ispirazione, assiste per caso al tentato suicidio del tastierista dei Soronprfbs e viene subito reclutato per sostituirlo. Subirà fin da subito il fascino del loro carismatico leader, Frank, talentuoso compositore che si cela dietro un enorme testone di cartapesta. Spinto dai suoi sogni di gloria, Jon si mette in testa di portare il gruppo al successo partecipando a un festival indie-rock in Texas, col risultato di comprometterne il fragile equilibrio…

FRANK – VI DICIAMO LA NOSTRA

È un film curioso, questo Frank. La prima parte ricorda vagamente Wes Anderson, nel suo modo di presentarci questa band dal nome impronunciabile e i suoi membri, il cui tratto comune sembra essere l’instabilità mentale, dal manager feticista e con istinti suicidi alla thereminista (si dice così?) maniaco-depressa. E il povero Jon (il bravo Domhnall Gleeson; se non lo avete ancora visto, correte a recuperare Questione di tempo, di corsa!) forse si sente penalizzato dalla propria normalità – fino a che punto il genio è riconducibile alla follia? – perché osserva Frank con ammirazione chiedendosi quali sofferenze avrà mai affrontato per trasformare in arte una canzone che parla di un pelucco della moquette… quale sarà la verità che si cela dietro la sua maschera? La verità è che Michael Fassbender si sta rivelando uno degli attori più bravi e forse il più coraggioso della sua generazione. Non potendo contare sulla mimica facciale, si affida a corpo e voce in modo magistrale, riuscendo a toccare tutta la gamma emotiva richiesta dal personaggio.

Forse non è per tutti i gusti, ma di sicuro è un film imprevedibile e che sa emozionare. Con qualche ottima considerazione sul successo ai tempi di Twitter.

VUOI LEGGERE I MIGLIORI LIBRI SULLA COMICITÀ MONDIALE? VIENI SU WWW.LIBRIDIVERTENTI.IT.

Author: La Tradi

Share This Post On