FUCK YOU, PROF!

 

Fuck You Prof! è la dimostrazione che anche in Germania si ride. Scorrettezza e volgarità in una commedia da record!

Titolo: Fuck You, Prof!. Regia: Bora Dagtekin. Interpreti: Elyas M’Barek, Karoline Herfurth, Katja Riemann, Jana Pallaske, Alwara Höfels. Genere: commedia. Durata: 106 min. Nazione, anno: Germania, 2013. Uscita: 15 ottobre 2015.

FUCK YOU, PROF! – SINOSSI E RECENSIONE

FUCK YOU, PROF! – SINOSSI

Zeki Muller, appena uscito dal carcere, ha come primo obiettivo il recupero del malloppo, frutto del suo ultimo “colpo”, nascosto 15 mesi prima in un cantiere. Suo malgrado ora i lavori sono terminati e in quel luogo sorge una palestra scolastica. Zeki decide quindi di fingersi un insegnante di giorno e di scavare alla ricerca del bottino la notte. Il carattere ribelle e volgare del galeotto darà vita a situazioni comiche che coinvolgeranno i giovani alunni e i colleghi, in particolare Lisi Schnabelstedt. L’amore è dietro l’angolo.

FUCK YOU, PROF! – VI DICIAMO LA NOSTRA

Sbarca anche nei cinema italiani il successo che in Germania ha saputo incassare oltre 60 Milioni. Fuck You, Prof! è una commedia irriverente e anarchica che ci dimostra quanto i tedeschi sappiamo in realtà far ridere. La pellicola non scende a compromessi con niente e nessuno, facendoci tornare tra i banchi di scuola, dove la volgarità e gli sfottò sono da sempre una cifra stilistica di certi filoni di cinema giovanilistico. Analizzando in modo sarcastico ed esagerato il mondo dell’istruzione, il film ne mette in luce pregi e soprattutto difetti. Le dinamiche tra i personaggi di Zeki Muller e Lisi Schnabelstedt sono il fulcro del film: professore improvvisato e dai metodi anticonvenzionali e rudi il primo, tipica professoressa casa e chiesa la seconda. I loro scontri comici e infine romantici catturano e divertono con apprezzabile costanza per l’intera durata del film. Politicamente scorretto Fuck You, Prof! ci propone una comicità “demenziale” di qualità (un ossimoro?) che di rado abbiamo avuto modo di gustare negli ultimi anni e che in Germania, cavalcando l’onda del successo, ha già dato vita a un sequel, a questo punto da noi atteso, popcorn in man0.

Riccardo Assi

Author: Riccardo Assi

Share This Post On