HO UCCISO NAPOLEONE

 

Ha un piano. E ha alleati pronti a tutto. Mai sottovalutare la reazione di una donna a cui manca la terra sotto i piedi. Una commedia al femminile che non mantiene tutte le sue promesse.

Regia: Giorgia Farina. Interpreti:  Micaela Ramazzotti, Libero De Rienzo, Adriano Giannini, Elena Sofia Ricci, Iaia Forte. Genere: commedia. Durata: 90 min. Nazione, anno: ITA, 2015. Uscita: 26 marzo 2015.


Ho ucciso Napoleone

HO UCCISO NAPOLEONE – SINOSSI E RECENSIONE

HO UCCISO NAPOLEONE – SINOSSI

Tempi duri per Anita, gelida donna in carriera impiegata in una società farmaceutica. Improvvisamente scopre di essere incinta, il padre del bimbo è il direttore – sposato e padre di famiglia – e viene licenziata. Insieme a Biagio, timido avvocato aziendale, organizzerà una clamorosa vendetta. Ma le cose non andranno proprio secondo i piani.

HO UCCISO NAPOLEONE – VI DICIAMO LA NOSTRA

Dopo l’esordio con Amiche da Morire, Giorgia Farina firma questa commedia feroce e cinica, pure troppo. Palese è la volontà di esagerare, di arrivare alla caricatura, nella caratterizzazione dei personaggi come nei dialoghi e nei colori gelidi e forti che dominano. Difficile, però, non cadere nel tranello dello stereotipo e finire per banalizzare una storia che ha molte potenzialità da esprimere. Scricchiola la trama, con una svolta che non ottiene il risultato sperato, non convincono del tutto i protagonisti (a parte De Rienzo, che è decisamente il migliore) e anche sulle battute c’è da chiudere un occhio… Se vogliamo trovare qualcosa di positivo, almeno Micaela Ramazzotti finalmente esce dal suo ruolo di perennemente svampita. Una commedia al femmile che ci aveva incuriosito, ma che non ha mantenuto le promesse.

 

VUOI LEGGERE I MIGLIORI LIBRI SULLA COMICITÀ MONDIALE? VIENI SU WWW.LIBRIDIVERTENTI.IT.

Author: Laura Bosisio

Share This Post On