IL MINISTRO

 

IL MINISTRO

Regia: Giorgio Amato Con: Gian Marco Tognazzi, Alessia Barela,Fortunato Cerlino, Jun Ichikawa (II), Edoardo Pesce. Genere: Commedia Durata: 90 min. Nazione, anno: Italia 2016. Uscita: 5 maggio 2016.

IL MINISTRO


IL MINISTRO – SINOSSI
Franco
Lucci è un imprenditore sull’orlo della bancarotta. La salvezza della sua società è appesa a un grosso appalto pubblico che potrebbe ottenere grazie all’intervento di un Ministro del quale è diventato amico e che ha invitato a cena. Insieme a Michele, suo socio e cognato, Franco ha organizzato la serata perfetta: oltre a pagargli una cospicua tangente, i due gli fanno trovare una ragazza disposta ad andare a letto con lui. Il tutto sotto gli occhi di Rita, la moglie di Franco, che cerca di assecondare il marito in questo ultimo disperato tentativo per ottenere l’appalto milionario e salvare tutti i loro privilegi. Ma per colpa della ragazza la serata prende una piega inaspettata.

IL-MINISTRO

IL MINISTRO – RECENSIONE

Black Comedy cinica, spietata e divertente in cui sono tutti colpevoli, raccontata da Giorgio Amato, sceneggiatore passato alla regia e che si ispira alla Commedia all’italiana (quella buona) anni Sessanta con atmosfere che ricordano i film di Mario Monicelli e Dino Risi. Il cast è ottimo e lavora perfettamente, le uniche incertezze sono proprio nella regia, ancora immatura per adattare al grande schermo una piéce da camera. Il film comunque fa il suo dovere e lascia quale sapore amarognolo tipico della nostra migliore tradizione cinematografica.

Raffaele Palumbo

Author: Raffaele Palumbo

Figlio non riconosciuto di Virginia Woolfe e Irvine Welsh, fu concepito nella peggiore toilette della Scozia la notte in cui il Muro di Berlino cadde nel Cielo Sopra Berlino. Ama scippare alle poste, fare l'aperivita fra Corso Como 10 e il Frida, trollare sul web. Dopo aver donato il fegato ai peggiori bar di Caracas si è laureato in Lettere Moderne all'Università Federico II di Kagoshima corrompendo tutti i prof. col frutto dei suoi scippi. Nella vita si occupa di tecnologia e umorismo. È bipolare. Non vede i refuusi.

Share This Post On