IL NOME DEL FIGLIO

Grande commedia, grande cast, Piccolo (nel senso di Francesco – Premio Strega 2014) sceneggiatore.

Regia di: Francesca Archibugi. Interpreti: Valeria Golino, Alessandro Gassman, Micaela Ramazzotti, Luigi Lo Cascio, Rocco Papaleo. Genere: commedia. Durata: 96 min. Nazione, anno: ITA 2014. Uscita: 23 gennaio 2014.

600

 

IL NOME DEL FIGLIO – SINOSSI E RECENSIONE

IL NOME DEL FIGLIO – SINOSSI

Paolo e Simona aspettano un bimbo. In occasione di una cena con i futuri zii, Paolo comunica con enfasi e convinzione il nome scelto per il nascituro. Un nome un tantino di destra per la famiglia, composta da professori universitari, insegnanti e musicisti allineati a sinistra. Tutti reagiscono male davanti a quel nome che può essere inquadrato in un passato drammatico per la nazione. Dibattito e scambio di idee degenerano e a turno tutti vengono offesi e messi alla berlina. Ma la famiglia, per fortuna, resta sempre la famiglia.

IL NOME DEL FIGLIO – VI DICIAMO LA NOSTRA

A metà strada fra i Parenti Serpenti di Mario Monicelli e le satiriche staffilate del Carnage di Roman Polansky, Francesca Archibugi aiutata da Francesco Piccolo e da un cast stellare che ci ha messo del suo, porta al cinema la fortunata commedia francese Le prénom di Alexandre de La Patellière e Matthieu Delaporte.
Valeria Golino, Luigi Lo Cascio, Rocco Papaleo e Alessandro Gassmann sono attori-autori di un film che utilizzando solo la parola riesce ad abbracciare le tragedie e le leggerezze della vita. Un gruppo di attori intellettuali che si scontra con il naturalismo della Ramazzotti fatto di gestacci, parole sboccate e un essere di periferia che alla fine non si può contenere.
Buonisti, tormentati, a volte sciroccati altre saggi, i personaggi che abitano il film dell’Archibugi non sono mai banali, ma ricchi di psiche e sfaccettature. In coro danno vita a una commedia colorata, vitale, belligerante e a tratti urticante, ma a cui non si può fare a meno di voler bene. Proprio come la vita, proprio come gli amici.

VUOI LEGGERE I MIGLIORI LIBRI SULLA COMICITÀ MONDIALE? VIENI SU WWW.LIBRIDIVERTENTI.IT.

Author: Raffaele Palumbo

Figlio non riconosciuto di Virginia Woolfe e Irvine Welsh, fu concepito nella peggiore toilette della Scozia la notte in cui il Muro di Berlino cadde nel Cielo Sopra Berlino. Ama scippare alle poste, fare l'aperivita fra Corso Como 10 e il Frida, trollare sul web. Dopo aver donato il fegato ai peggiori bar di Caracas si è laureato in Lettere Moderne all'Università Federico II di Kagoshima corrompendo tutti i prof. col frutto dei suoi scippi. Nella vita si occupa di tecnologia e umorismo. È bipolare. Non vede i refuusi.

Share This Post On