“INVENTATO” DALL’11/9, IL COMICO AVEVA MENTITO

Si era costruito una carriera raccontando di essere scampato al crollo delle Torri Gemelle. Ma ora il comedian Steve Rannazzisi confessa di essersi inventato tutto.

 

Steve Rannazzasi è un comedian statunitense. Non è Eddie Murphy, diciamo, anche se ha avuto un ruolo proprio in un suo perdibilissimo film (Immagina Che, 2009). In Italia il suo volto è relativamente noto per far parte del cast della serie Quelli che… il fantafootball (The League) in onda in Italia dal 2011 sul canale satellitare FX e dal 4 febbraio 2015 su Fox Comedy.

Tuttavia la sua notorietà, soprattutto in patria, ha una particolarità. Deriva in gran parte dai racconti commoventi che questo attore 37enne ha fatto negli anni su come fosse scampato agli attentati delle Torri Gemelle. Su questo ha letteralmente ricostruito tutta la sua carriera, conquistando dapprima spazi in diverse trasmissioni tv, e poi in serie TV e al cinema.  Peccato che fosse tutto falso, come racconta il New York Times. Il comico aveva mentito su tutta la linea.

Ha sempre raccontato di lavorare all’epoca da Merryl Linch come account manager, e il suo ufficio era al 54esimo piano della torre sud: “Ero lì quando la Prima Torre è caduta, sono scappato giusto in tempo per vedere il secondo aereo piombare sul World Trade center. La mia vita non è stata più la stessa […]. Così ho lasciato New York insieme alla mia ragazza e sono partito per Los Angeles, per ricominciare una nuova vita come comico”.


Ma non c’era nulla di vero, né il lavoro, né l’ufficio, né il palazzo: “Non so perché l’ho fatto, è stato imperdonabile […]. Come potrò insegnare ai miei figli a essere onesti?” Eh, spiegacelo un po’…

Messo alle strette da tutta una serie di nuove prove, Rannazzisi ha infine confessato. Ovviamente adesso molti dei suoi committenti stanno valutando la sua posizione lavorativa, anche se proprio i suo ruolo nella sitcom The League non sembra in pericolo. Del resto, con tutto quello che ha patito, sarebbe una crudeltà….

Author: Redazione

Share This Post On