Sei giorni sette notti (1998) Un film che umilia Ivan Reitman, fa vergognare Harrison Ford e affonda definitivamente ogni velleità cinematografica di Anne Heche. Una commedia romantica dove solo i paesaggi meritano. Il resto: da cestinare.