LEONI

 

Prima regola: non mettetevi mai contro di loro. Anche se, a ben vedere, i leoni di Neri Marcorè non sono poi così cattivi…

Regia di: Pietro Parolin Interpreti: Neri Marcorè, Piera Degli Esposti, Stefano Pesce, Anna Dalton, Antonio Pennarella. Genere: comico. Durata: 90 min. Nazione, anno: ITA 2015. Uscita: 5 febbraio 2015.

Leoni Marcorè 

LEONI – SINOSSI E RECENSIONE

LEONI – SINOSSI

Gualtiero Cecchin, rampollo di una facoltosa famiglia, ha sperperato la fortuna lasciatagli dal padre e si trova costretto a lanciare bizzarre iniziative imprenditoriali sperando nel colpo di fortuna. La sua idea “geniale” è la produzione del primo crocifisso realizzato interamente in plastica riciclata, ma il finanziamento del progetto lo porta nell’orbita di un faccendiere ben poco raccomandabile. A complicare la situazione c’è il rapporto non semplice con la sorella e ‒ soprattutto ‒ con il cognato, poliziotto insicuro che cerca in tutti i modi di rovinarlo. In questa gabbia di leoni, Gualtiero riuscirà a mantenere l’eleganza di un domatore?

LEONI – VI DICIAMO LA NOSTRA

Neri Marcorè è una garanzia. Perfetto mattatore e adorabile faccia da schiaffi, riesce a rendere simpatico il personaggio guascone e arrivista di Gualtiero, apertamente ispirato a tante figure iconiche della commedia all’italiana, una su tutte, il protagonista de Il Vedovo, interpretato da un irraggiungibile Alberto Sordi. A fare da sfondo, una provincia veneta in bilico tra realismo e stereotipo, in cui è possibile riconoscere alcuni tratti comuni alle realtà di tutta l’Italia, e un mondo di personaggi ben delineati e interpretati, che costruiscono una narrazione divertente e credibile. Cosa manca? Forse un po’ di monicelliana cattiveria: i leoni ruggiscono, ma in fondo non sfoderano gli artigli.

VUOI LEGGERE I MIGLIORI LIBRI SULLA COMICITÀ MONDIALE? VIENI SU WWW.LIBRIDIVERTENTI.IT.

Author: Redazione

Share This Post On