MA LOUTE

 

MA LOUTE

Regia: Bruno Dumont Con: Juliette Binoche, Valeria Bruni Tedeschi, Fabrice Luchini, Jean-Luc Vincent, Angélique Vergara. Genere: Commedia,  Durata: 122 min. Nazione, anno: Germania, Francia 2015. Uscita: 25 agosto 2016.

MA LOUTE

MA LOUTE – SINOSSI
Ma Loute è ambientato nel 1910, sulla Côte d’Opale, e vede un ispettore di polizia e il suo assistente indagare su alcune misteriose sparizioni, mentre i rampolli di due famiglie, Ma Loute Bréfort e la giovane e spregiudicata Billie Van Peteghem, intrecciano una storia d’amore che sconvolgerà sia i Bréfort (traghettatori) che i Van Peteghem (ricchi borghesi degenerati).

ma_loute

MA LOUTE – RECENSIONE
Il regista Bruno Dumont, dopo vari film d’autore e produzioni per la TV, si mette alla prova con un film grottesco, frenetico a tratti surreale, perfetto per i palati raffinati che si divertono con battute non proprio immediate. Il cast, al quale il regista ha dato massima libertà d’azione, è favolosamente sopra le righe, e considerando che conta attoroni di tutto rispetto quali Juliette Binoche, Valeria Bruni Tedeschi e Fabrice Luchini, il risultato è fenomenale. In Ma Loute dominano le ipocrisie, i segreti e i maldestri pensieri di una società aristocratica e malandata cui si contrappone un volgo ruvido e famelico. Accade proprio di tutto in un film in cui si  vola, si cammina ondeggiando e si crea un passato sognante dove al perbenismo di facciata si  contrappone la primitività di chi si nutre della diversità. In una molteplicità di accezioni ed eccezioni. Ma Loute è in sintesi un film divertente e raffinato, presentato a Cannes 2015, perfetto per riprendere quella bella tradizione che è andare al cinema dopo la pausa estiva.

Raffaele Palumbo

Author: Raffaele Palumbo

Figlio non riconosciuto di Virginia Woolfe e Irvine Welsh, fu concepito nella peggiore toilette della Scozia la notte in cui il Muro di Berlino cadde nel Cielo Sopra Berlino. Ama scippare alle poste, fare l'aperivita fra Corso Como 10 e il Frida, trollare sul web. Dopo aver donato il fegato ai peggiori bar di Caracas si è laureato in Lettere Moderne all'Università Federico II di Kagoshima corrompendo tutti i prof. col frutto dei suoi scippi. Nella vita si occupa di tecnologia e umorismo. È bipolare. Non vede i refuusi.

Share This Post On