MA TU DI CHE SEGNO 6?

 

Nato sotto la cattiva stella del Cinepanettone natalizio, nel firmamento cinematografico questo film occupa la costellazione in fondo a destra.

Regia di: Neri Parenti. Interpreti: Massimo Boldi, Gigi Proietti, Vincenzo Salemme, Ricky Memphis, Pio D’Antini, Amedeo Grieco, Angelo Pintus, Vanessa Hessler, Paolo Fox, Mariana Rodriguez.  Genere: commedia. Durata: 99 min. Nazione, anno: Italia, 2014. Uscita: 12 dicembre 2014.



proietti

MA TU DI CHE SEGNO 6? – SINOSSI E RECENSIONE

MA TU DI CHE SEGNO 6? – SINOSSI

Il Maresciallo Augusto Fioretti (Vincenzo Salemme), Toro e quindi geloso, ha una figlia (Denise Tantucci) piena di fidanzati che è Sagittario. Allora il maresciallo decide di dare la caccia ai corteggiatori della figlia insieme al carabiniere Quagliarullo (Angelo Pintus). Carlo Rabagliati (Massimo Boldi), fifone e ipocondriaco rappresenta il segno dei Pesci: pensando di essere in fin di vita, si fa ricoverare e per lui inizia un tragicomico calvario tra siringhe, clisteri e operazioni inutili. E poi ci sono le storie della Bilancia Gigi Proietti, dello scorpione Ricky Memphis… e così via.

MA TU DI CHE SEGNO 6?- VI DICIAMO LA NOSTRA

Siccome i fratelli Vanzina (soggetto) e il regista Neri Parenti stanno sempre sul pezzo, questa volta la loro fonte di ispirazione è Google. La parola Oroscopo è la quarta più cercata sul web: per la gioia di Paolo Fox (cameo), merita un film.

Nato sotto la cattiva stella del Cinepanettone natalizio, che nel firmamento cinematografico occupa la costellazione in fondo a destra, Ma tu di che segno 6? fa di tutto per consolidare la sua posizione nella volta celeste con becere battute su: donne, gay, trans, neri e cinesi. Oltretutto non si può neanche parlare di cinema politicamente scorretto, perché le trovate comiche e le frasi del film sono così sterili e di basso profilo, che non si cela neanche una vena di creatività capace di nobilitare un minimo la pellicola.

L’unico mistero che resta in piedi dopo aver visto brillare le stelle di questo film dal buio astrale di una sala cinematografica è: perché attori come Gigi Proietti, e dico Gigi Proietti, Vincenzo Salemme, Pintus e Memphis si sono prestati a questa regressione cinematografica?
A differenza dell’Interstellar di Nolan, la risposta non la troveremo neanche nei buchi neri.

VUOI LEGGERE I MIGLIORI LIBRI SULLA COMICITÀ MONDIALE? VIENI SU WWW.LIBRIDIVERTENTI.IT.
Raffaele Palumbo

Author: Raffaele Palumbo

Figlio non riconosciuto di Virginia Woolfe e Irvine Welsh, fu concepito nella peggiore toilette della Scozia la notte in cui il Muro di Berlino cadde nel Cielo Sopra Berlino. Ama scippare alle poste, fare l'aperivita fra Corso Como 10 e il Frida, trollare sul web. Dopo aver donato il fegato ai peggiori bar di Caracas si è laureato in Lettere Moderne all'Università Federico II di Kagoshima corrompendo tutti i prof. col frutto dei suoi scippi. Nella vita si occupa di tecnologia e umorismo. È bipolare. Non vede i refuusi.

Share This Post On