MASTERMINDS – I GENI DELLA TRUFFA

 

MASTERMINDS – I GENI DELLA TRUFFA

Regia: Jared Hess Con: Zach Galifianakis, Kristen Wiig, Owen Wilson, Jason Sudeikis, Ken Marino, Mary Elizabeth Ellis, Leslie Jones, Devin Ratra. Genere: Commedia  Durata:  94 min. Nazione, anno:  Francia, Belgio. Uscita: 09 novembre 2016.

MASTERMINDS – I GENI DELLA TRUFFA

MASTERMINDS – I GENI DELLA TRUFFA – SINOSSI
David Ghantt è un uomo semplice, imprigionato in una vita monotona. Giorno dopo giorno guida un furgone blindato trasportando milioni di dollari che non sono suoi. La sua unica distrazione è la cotta che ha per la collega Kelly Campbell: che lo spingerà ad osare oltre ogni limite. Con una banda di criminali un po’ dementi guidati da Steve Chambers, e con un piano piendo di falle, David riesce nell’impossibile: fuggire via con 17 milioni di dollari. Ingenuamente, però, consegna i soldi a questo gruppo di imbroglioni, finendo con l’essere l’unico capro espiatorio della rapina. Mentre gli altri spendono il bottino senza pensarci, lasciando dietro di loro tracce inequivocabili, David deve sfuggire alla polizia, evitare un ridicolo killer e cercare di far girare le carte in suo favore..

i-geni-della-truffa-cast

MASTERMINDS – I GENI DELLA TRUFFA – RECENSIONE
Se qualcuno attendeva il film cult dell’anno, purtroppo dove rivedere la sua posizione. Masterminds è infatti derubricabile nella sezione l‘americanata della settimana. Ben fatto, divertente, equivoci pazzi, gag che funzionano anche se poco originali, bassa ricerca sui personaggi, a parte la tenera perla che ci regala il povero Zach Galifianakis, ormai diventato troppo bravo per mimetizzarsi in pellicole non all’altezza del suo talento. Il film è ispirato a un episodio realmente accaduto, la rapina avvenuta alla Loomis Fargo nel 1997.
Rivedibile, più che da vedere al cinema, questo è il perfetto film da streaming domestico..

Raffaele Palumbo

Author: Raffaele Palumbo

Figlio non riconosciuto di Virginia Woolfe e Irvine Welsh, fu concepito nella peggiore toilette della Scozia la notte in cui il Muro di Berlino cadde nel Cielo Sopra Berlino. Ama scippare alle poste, fare l'aperivita fra Corso Como 10 e il Frida, trollare sul web. Dopo aver donato il fegato ai peggiori bar di Caracas si è laureato in Lettere Moderne all'Università Federico II di Kagoshima corrompendo tutti i prof. col frutto dei suoi scippi. Nella vita si occupa di tecnologia e umorismo. È bipolare. Non vede i refuusi.

Share This Post On