PATRUCCO E MERCADINI A TALKIN’ MENOTTI

Prende il via Talkin’ Menotti due mesi da ridere, da reading, da cantare e da ascoltare.

Diviso fra i teatri Verdi e Menotti di Milano, questo weekend prende il via la prima edizione di Talkin’ Menotti, festival dedicato a narrazioni e contaminazioni in cui si alterneranno fino al 28 febbraio teatro, musica, reading, prosa, teatro canzone e comicità.  Una line up di livello che vedrà salire sul palco, tra gli altri, Fausto Paravidino con  la Compagnia del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, la cantante Syria e il mitico 
Ezio Guaitamacchi con un omaggio a David Bowie.

Per quanto riguarda il mondo della comicità sono due gli spettacoli imperdibili:

29 gennaio Roberto Mercadini – Fuoco nero su fuoco bianco – al Teatro Verdi

Fuoco nero su fuoco bianco. Un viaggio nella Bibbia ebraica.
di e con Roberto Mercadini
Il monologo racconta il libro di Giona, contenuto nella Bibbia; un libro brevissimo, ma anche straordinariamente suggestivo. In alcune edizioni della Bibbia, di quelle con le pagine grandi e la scrittura minuta, il libro di Giona sta tutto intero su un’unica facciata. Eppure si tratta di un libro ricchissimo, pieno di avventure grandiose, di luoghi e personaggi diversi, di paradossi estremi. 
(Per restare in ambito editoriale, e senza voler competere con la  casa editrice Dio e i suoi Profeti, il monologo di Mercadini lo abbiamo pubblicato noi. Se volete saperne di più, cliccate qui.)

Ad ogni capitolo (perciò quattro volte nell’interno dell’intero monologo) l’attore interrompe la narrazione riguardante Giona e apre una parentesi. Le parentesi contengono, a loro volta, narrazioni o testi poetici tratti dalla Bibbia e servono a meglio chiarire quello che succede nel libro di Giona. Perciò, in sintesi, la Bibbia è spiegata utilizzando la Bibbia stessa (proprio come nella tradizione ermeneutica ebraica). Le traduzioni dall’ebraico antico sono state fatte dallo stesso Roberto Mercatini, che si è dedicato allo studio di questa lingua per qualche anno.
Si tratta di uno spettacolo ricco di momenti comici, ma, tuttavia, totalmente rispettoso della Bibbia e accurato dal punto di vista filologico.

29 gennaio Roberto Mercadini – Fuoco nero su fuoco bianco – al Teatro Verdi

C’era una Svolta in scena dal 1 al 3 Febbraio al Teatro Verdi

C’era una Svolta 
con Alberto Patrucco musicalmente accompagnato da Daniele Caldarini e Francesco Gaffuri.

Un lungo viaggio nel tempo, eppure un breve percorso topografico. È l’esilarante storia di un cabarettista che dalla Brianza approda alla Milano della fine degli anni 70, con i suoi fervori e le sue irrisolte contraddizioni. Un mondo, se si vuole, né migliore né peggiore dell’odierno, semplicemente diverso e quindi unico, irripetibile.

Tra cabaret impregnati di fumo e night club scalcinati, tra improbabili impresari e spettatori indecifrabili, il Nostro vive una realtà di poeti e saltimbanchi in un tourbillon di sogni sospesi e che un tempo sembrava possibile toccare. Il protagonista, sempre in coda sulla Milano – Meda, ne ride – e parecchio – perché se una cosa la storia insegna è che a prendersi sul serio, non si fa mai un grande affare.

Comicità priva di tormentoni, musiche senza tempo e canzoni rivelatrici, in uno spassoso spettacolo che ci afferra per mano e ci trasporta dal pentagramma di un vecchio spartito ai file multimediali col disincanto di una feroce ironia.

1, 2, 3 febbraio Alberto Patrucco – C’era una svolta – al Teatro Verdi

 

 

IL FESTIVAL E IL SUO PROGRAMMA 
12, 13, 14, 15 gennaio Romina Mondello – Amami o Cado – al Teatro Verdi

20,21 gennaio Ezio Guitamacchi, Folco Orselli, Laura Fedele – Bowie, l’uomo delle stelle – al Teatro Verdi

25,26,27 gennaio Gabriella Greison – 1927, monologo quantistico – al Teatro Verdi

29 gennaio Roberto Mercadini – Fuoco nero su fuoco bianco – al Teatro Verdi

1, 2, 3 febbraio Alberto Patrucco – C’era una svolta – al Teatro Verdi

4 febbraio Gianni Biondillo – Come sugli alberi le foglie – al Teatro Verdi

5 Febbraio Paolo Pasi – LETTERE DAL FUTURO parole e musica intrecciate sull’assurdo quotidiano in arrivo – al Teatro Verdi

dal 21 al 23 febbraio Fausto Paravidino – SOUPER al Teatro Menotti

24, 25 febbraio Massimo Cotto – Rock Bazar al Teatro Menotti

28 febbraio Syria Bellissime al Teatro Menotti

Raffaele Palumbo

Author: Raffaele Palumbo

Figlio non riconosciuto di Virginia Woolfe e Irvine Welsh, fu concepito nella peggiore toilette della Scozia la notte in cui il Muro di Berlino cadde nel Cielo Sopra Berlino. Ama scippare alle poste, fare l'aperivita fra Corso Como 10 e il Frida, trollare sul web. Dopo aver donato il fegato ai peggiori bar di Caracas si è laureato in Lettere Moderne all'Università Federico II di Kagoshima corrompendo tutti i prof. col frutto dei suoi scippi. Nella vita si occupa di tecnologia e umorismo. È bipolare. Non vede i refuusi.

Share This Post On