SAVERIO RAIMONDO ELETTO MIGLIOR COMEDIAN DI SANREMO 2015

Volevamo deciderlo noi. Ma invece una pericolosa deriva democratica si è impossessata della redazione e si è stabilito di far decidere a voi plebaglia il miglior comedian di Sanremo, serata per serata. Una scelta assurda, lo capisco, ma tant’è. Ma, alla fine, il risultato è stato quello che avremmo voluto noi! Come miglior comedian di Sanremo avete votato Saverio Raimondo. Pronti, ovviamente, a truccare i risultati in caso contrario….

C’è da dire, innanzitutto, che il risultato è maturato dopo una battaglia artistica giocatasi sul filo del rasoio tra Saverio Raimondo e Rocco Tanica. Il primo con l’handicap di giocare in notturna (parecchio notturna) e sul Web, il secondo con l’handicap di avere solo pochi minuti per convincervi, ma pur sempre dall’Ariston  “televisivo”.  E lo stand up comedian romano l’ha sfangata solo sulla distanza conquistando il trofeo medaglia per medaglia: a parità di medaglie d’oro, Saverio ha rubato l’alloro al buon Rocco solo per un maggior numero di medaglie d’argento del rivale (2 a 1). Come direbbe Conte… chapeau. Raggiunto dalla nostra redazione, Saverio, più commosso di una Miss Italia dopo 36 ore sui tacchi a spillo ci ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Sono grato ai lettori di Sagoma, generosi come tutti in questi giorni di #DopoFestival. Mi considero molto fortunato, e spero di non tradire mai l’apprezzamento che mi state esprimendo”. Poi, quando ha capito che non c’era alcun premio né in denaro né in beni di prima necessità, si è allontanato con un elegante codazzo di ammiratori dell’ultima ora, non facendo ovviamente che aumentare la nostra stima nei confronti della sua impeccabile professionalità.

sanremo 2015 migliore comedian

Sul podio più basso, invece, troviamo Luca e Paolo. Anche in questo caso si tratta di un colpaccio, visto che il duo ha avuto una sola serata per distinguersi, ma sono stati l’unica guest star comica a conquistare un oro. I più maligni potrebbero argomentare che le performance dei vari Alessandro Siani e Giorgio Panariello non sono state propriamente irresistibili, ma tant’è. E poi non scorderei Virginia Raffaele, che bene ha fatto.

SAVERIO RAIMONDO E SABRINA NOBILE DopoFestival

SAVERIO RAIMONDO E SABRINA NOBILE conduttori del DopoFestival.

Ma ovviamente la vera star comica di questa edizione è stata Saverio Raimondo che, svantaggiato (la piattaforma Web della RAI non splende per efficienza) e avvantaggiato (sicuramente in TV avrebbe avuto ben altra libertà espressiva) dall’esilio Web, ha ben presto conquistato i webnauti, trascinandoli nel gorgo dell’insonnia, visto che di sera in sera Carlo Conti mollava il palco dell’Ariston sempre più tardi.

Un successo confermato dai numeri, come il record di performance su Twitter con un tasso di crescita di tweet del 137% e di utenti unici del 171%. Volumi eccezionali visto che a quell’ora solitamente andavano a letto anche gli ultimi spacciatori. Giovedì 12 febbraio, il programma ha superato l’hashtag #Sanremo2015 aggiudicandosi la prima posizione tra i trend durante la diretta. Una vittoria conquistata non solo a suon di risate ma anche grazie a una scelta coraggiosa di temi e linguaggi che, poi, non sono che la cifra stilistica del Nostro ormai da tanti anni (nonostante sia un giovinetto, neh). Ma anche chi, come noi, lo segue da tempi non sospetti, non ha potuto non notare (troppe negazioni, potremmo star esprimendo anche il concetto contrario…) come, messo al muro da ritmi serrati e dalle sovrastrutture di Mamma RAI, non si sia lasciato intimorire e abbia reagito con rinnovata energia e fantasia, mostrandosi davvero in grandissimo spolvero.

Una performance, quella di Raimondo, comunque esaltata dall’intera confezione della trasmissione, agile, rilassata e informale – come forse solo un contesto Web forse può garantire -, compresi gli altri protagonisti, a partire dall’ottima co-conduttrice Sabrina Nobile, abile e sobrio contraltare di Saverio, e dallo stesso Giancarlo Magalli, la cui condizione di “mancato” Presidente della Repubblica lo ha immediatamente proiettato in una dimensione “altra” – da guru disincantato, diremmo – che sta interpretando con insospettabile ed efficace leggerezza.

 

I VOSTRI VOTI, SERATA PER SERATA

 

 

 

Author: Redazione

Share This Post On