SE HOLLYWOOD AVESSE LA MADONNINA…

 

sarebbe una piccola Milano. Al via il MIFF, per la gioia dei cinefili.

 

“Condivido l’idea del MIFF nel portare alla luce il cinema indipendente di qualità, i suoi filmmaker e i suoi creatori”. George Clooney parla così del Milano International Film Festival, e la metà femminile del cielo di Sagoma non può che applaudire a queste belle parole (come diceva il buon Luciano Rispoli), fingendo di non notare la sintassi pesantemente zoppicante.

Tra un George Clooney sorridente e una programmazione ricca di film e cortometraggi di respiro internazionale, dal 4 al 14 maggio, Milano diventa un po’ Hollywood e si reinventa ammantata da un’aura glamour che rischia di provocare dipendenza a noi appassionati di cinema che troppo spesso dobbiamo accontentarci delle repliche di Piedone lo Sbirro sul digitale terrestre. Al posto del mitico Oscar, al MIFF si assegneranno i Cavalli di Leonardo, premi introdotti nel 2009 che quest’anno coinvolgono anche la  TV, andando a riempire il vuoto lasciato dei Telegatti.

Il Cavallo sarà assegnato ad alcuni dei volti più amati della televisione italiana, suddivisi in sette categorie. Tra i candidati ci sono Raul Bova, Piero Chiambretti, Michelle Hunziker e anche uno dei nostri comici del cuore, Omar Fantini, insieme a una lanciatissima Geppi Cucciari e ai Fichi d’India. Uno di loro dovrà fare spazio in casa per un nuovo soprammobile. In bocca al lupo!   

 

Carlo Amatetti

Author: Carlo Amatetti

Carlo Amatetti è l'editore di Sagoma, casa editrice specializzata in comicità e humour. Combatte da sempre per l'idea che anche la comicità debba entrare a buon diritto nell'ambito della cultura. Sorprendendosi che si debba ancora farlo...

Share This Post On