SOAP OPERA

 

600 soap

 

Quanto può essere surreale una commedia che si ispira alle telenovelas argentine, che si ispirano alle soap opera americane che si ispirano non si capisce bene a cosa mentre fuori nevica?

Regia di: Alessandro Genovesi. Interpreti: Fabio De Luigi, Cristiana Capotondi, Ricky Memphis, Chiara Francini, Elisa Sednaoui  Genere: commedia, surreale. Durata: 86 min. Nazione, anno: ITA, 2014. Uscita: 24 ottobre 2014.

SOAP OPERA – SINOSSI E RECENSIONE

SOAP OPERA – SINOSSI

Francesco ancora innamorato della ex Anna, che scopre essere incinta di un altro uomo, Paolo che aspetta un figlio dalla moglie ma viene assalito da dubbi in merito alla propria sessualità, la bellissima Francesca il cui ex fidanzato si è appena suicidato, Alice star di una nota soap opera televisiva e con la passione per gli uomini in divisa, Gianni e Mario, gli esilaranti fratelli legati strettamente da un incidente che costringe uno dei due su una sedia a rotelle e l’altro ad accudirlo, vivranno una notte piena di colpi di scena, alla fine della quale la vita di tutti si ritroverà irrimediabilmente cambiata.

SOAP OPERA – VI DICIAMO LA NOSTRA

Alessandro Genovesi con Soap Opera firma la sua prima vera opera personale come regista. Si tratta di una commedia corale ambientata in un condominio sotto una neve da palla di vetro e mixa più generi, la commedia surreale, il melò e il noir.

Tutti i personaggi hanno un nonsochè di bizzarro, già il titolo fa intuire che l’ambientazione rifuge da ogni tentativo di realismo. Ma tutti sono mossi da un’unica forza motrice: l’amore. A fare da cornice è la neve che cade costantemente, quasi per attutire il trambusto provocato dagli strambi vicini nei tre giorni prima di Capodanno.

L’opera è decisamente tirata su da attori di un certo calibro come Fabio De Luigi, Diego Abatantuono, la storica coppia Ale e Franz, e la tonda Cristiana Capotondi. Nel film si respira un’irreale aria di libertà. A dirigere alla grande la compagnia davanti la cinepresa c’è un Diego Abatantuono in gran forma che con tutto il cast offre una commedia anomala, più vicina all’irrealtà delle Soap che alla vita vera, ma in cui il pubblico ride e si emoziona, senza rinunciare a qualche spunto di riflessione. Poi se ci capite qualcosa spiegatecelo voi!

 

VUOI LEGGERE I MIGLIORI LIBRI SULLA COMICITÀ MONDIALE? VIENI SU WWW.LIBRIDIVERTENTI.IT.
Raffaele Palumbo

Author: Raffaele Palumbo

Figlio non riconosciuto di Virginia Woolfe e Irvine Welsh, fu concepito nella peggiore toilette della Scozia la notte in cui il Muro di Berlino cadde nel Cielo Sopra Berlino. Ama scippare alle poste, fare l'aperivita fra Corso Como 10 e il Frida, trollare sul web. Dopo aver donato il fegato ai peggiori bar di Caracas si è laureato in Lettere Moderne all'Università Federico II di Kagoshima corrompendo tutti i prof. col frutto dei suoi scippi. Nella vita si occupa di tecnologia e umorismo. È bipolare. Non vede i refuusi.

Share This Post On