ST. VINCENT

 

St. Vincent è una commedia natalizia, non giriamoci attorno. La differenza è che al posto dell’albero c’è Bill Murray.

Regia di: Theodore Melfi. Interpreti: Bill Murray, Naomi Watts, Melissa McCarthy, Jaeden Lieberher, Chris O’Dowd, Terrence Howard. Genere: commedia. Durata: 102 min. Nazione, anno: USA 2014. Uscita: 18 dicembre 2014.

BILL MURRAY stars in ST. VINCENT

ST. VINCENT – SINOSSI E RECENSIONE

ST. VINCENT – SINOSSI

Maggie (Melissa McCarthy), una madre single, si trasferisce a Brooklyn con il figlio dodicenne, Oliver (Jaeden Lieberher). Costretta a lavorare fino a tardi, Maggie non ha altra scelta se non lasciare Oliver con il vicino di casa, Vincent (Bill Murray), uno scorbutico pensionato con la passione per l’alcol e le scommesse. Tra i due nasce una singolare amicizia. In compagnia di Daka, (Naomi Watts), una spogliarellista incinta, Vincent coinvolge Oliver nei luoghi che frequenta quotidianamente, l’ippodromo, lo strip club e il bar di fiducia. Vincent aiuta Oliver a crescere e il ragazzino vede in lui quello che nessun altro è in grado di percepire: un uomo incompreso e con un cuore d’oro.

ST. VINCENT – VI DICIAMO LA NOSTRA

St. Vincent è una commedia natalizia, non giriamoci attorno. La differenza è che al posto dell’albero c’è Bill Murray. Un po’ come se al prossimo Concerto di Capodanno a Vienna a dirigere l’orchestra ci fosse Aphex Twin. Il film  è costruito intorno all’amicizia tra un adulto e un bambino in grado di intenerire anche un uomo chiuso e privo di slanci come Murray che dà vita a un personaggio fra il bukoskiano e il Santo Bevitore. Melissa McCarthy, nei panni di una madre affettuosa, si distingue grazie a un interessante registro drammatico che riesce comunque a concedersi momenti irresistibili di comicità allo stato puro. I confronti, diretti e indiretti, tra gli attori sono il valore aggiunto a una commedia natalizia, che alla fine non mancherà di commuovere per le sue fragilità e per la virile insicurezza del suo protagonista. Più che un film, delle grandi prove di attore.

VUOI LEGGERE I MIGLIORI LIBRI SULLA COMICITÀ MONDIALE? VIENI SU WWW.LIBRIDIVERTENTI.IT.
Raffaele Palumbo

Author: Raffaele Palumbo

Figlio non riconosciuto di Virginia Woolfe e Irvine Welsh, fu concepito nella peggiore toilette della Scozia la notte in cui il Muro di Berlino cadde nel Cielo Sopra Berlino. Ama scippare alle poste, fare l'aperivita fra Corso Como 10 e il Frida, trollare sul web. Dopo aver donato il fegato ai peggiori bar di Caracas si è laureato in Lettere Moderne all'Università Federico II di Kagoshima corrompendo tutti i prof. col frutto dei suoi scippi. Nella vita si occupa di tecnologia e umorismo. È bipolare. Non vede i refuusi.

Share This Post On