TOTÒ IN 3D. DI NUOVO.

 

Aurelio De Laurentiis annuncia il restauro in 3D di Il Più Comico Spettacolo del Mondo

Totò era avanti, forse anche troppo. Quando Carlo Ponti e Dino De Laurentiis decisero di lanciare il sistema Podelvision, che unendo le iniziali dei loro cognomi avrebbe dovuto rivoluzionare il cinema consentendo la visione tridimensionale, scelsero Totò come cavia per il primo esperimento italiano. Era il 1953, gli sforzi per girare Il Più Comico Spettacolo del Mondo furono enormi, e quando la pellicola arrivò nelle sale la gente se ne infischiò altamente, tanto che il film venne ridistribuito in formato bidimensionale per cercare di salvare il salvabile.

Sono passati più di cinquant’anni, e la tecnologia 3D ha fatto passi da gigante. Quel primo tentativo, risultato fallimentare, verrà ora riabilitato da Aurelio De Laurentiis, nipote dello storico produttore e ideatore del Podelvision. Il clown Tottons, ricattato dal suo circo e costretto a vivere perennemente con il volto truccato, tornerà nuovamente sul grande schermo in una nuova versione tridimensionale completamente restaurata.

Ma De Laurentiis non si ferma, e annuncia anche il restauro di Amici Miei. Non resta che aspettare di vedere il risultato.

Carlo Amatetti

Author: Carlo Amatetti

Carlo Amatetti è l'editore di Sagoma, casa editrice specializzata in comicità e humour. Combatte da sempre per l'idea che anche la comicità debba entrare a buon diritto nell'ambito della cultura. Sorprendendosi che si debba ancora farlo...

Share This Post On