UN PINGUINO TIRA L’ALTRO

 

Popper’s Penguins, Stiller abbandona. Arriva Carrey?

I pinguini si stanno affermando come le creature ideali per interpretare film. D’altronde già in Madagascar gli stessi pinguini ne avevano preso coscienza atteggiandosi a “carini e coccolosi” e, insomma, in tutta onestà è difficile resistere ad animaletti così teneri.

A quanto pare anche Mark Waters non è immune al loro fascino. Abbandonate le ex fantasma de La Rivolta delle Ex, è pronto a realizzare per la Fox una trasposizione cinematografica del libro per bambini Mr. Popper’s Penguins, scritto negli anni ’30 dai coniugi Richard e Florence Atwater e illustrato da Robert Lawson. Protagonista della storia è Mr. Popper, un imbianchino desideroso di visitare l’Artico, e che per questo sommerge di lettere dei veri esploratori. Un giorno, uno di loro gli invia un pinguino. Poi anche lo zoo della città gliene regala uno, femmina! Nascono 12 cuccioli. Come mantenerli? Semplice, si organizza uno spettacolo itinerante con protagonisti i simpatici volatili. Guai in vista.

Inizialmente il ruolo di Mr. Popper doveva essere interpretato da Ben Stiller e il film diretto da Noah Baumbach, ma a causa di alcune divergenze artistiche con la produzione, entrambi hanno abbandonato il progetto. Al momento per il ruolo principale sono in ballottaggio Owen Wilson, Jack Black e Jim Carrey. Wilson, da solo, non è così divertente e Black data la sua altezza rischierebbe di essere scambiato per il tredicesimo pinguino. Carrey sarebbe perfetto: è un mago della comicità ma è anche in grado di dosare abilmente umorismo e sentimento. Noi tifiamo per lui.

Carlo Amatetti

Author: Carlo Amatetti

Carlo Amatetti è l'editore di Sagoma, casa editrice specializzata in comicità e humour. Combatte da sempre per l'idea che anche la comicità debba entrare a buon diritto nell'ambito della cultura. Sorprendendosi che si debba ancora farlo...

Share This Post On