UNA VITA DA GATTO

 

UNA VITA DA GATTO

Regia: Barry Sonnenfeld. Con: Kevin Spacey, Jennifer Garner, Robbie Amell, Christopher Walken, Teddy Sears, Mark Consuelos, Cheryl Hines. Genere: Commedia.  Durata: 87 min. Nazione, anno:  Francia, Cina. Uscita: 07 dicembre 2016.

UNA VITA DA GATTO

UNA VITA DA GATTO – SINOSSI
Tom Brand è un miliardario di successo ma il suo stile di vita lo ha allontanato da sua moglie e da sua figlia. Intento a recuperare il rapporto con la figlia, Tom decide di regalarle il gattino che desidera da molto tempo. Sulla strada verso casa, Tom è coinvolto in un terribile incidente e quando riprende conoscenza scopre di essere intrappolato nel corpo del gatto appena acquistato. Adottato dalla sua stessa famiglia, sperimenterà una nuova prospettiva di vita all’interno di casa sua.

UNA VITA DA GATTO – RECENSIONE
Tira più un pelo di gatto
sui Social Network che un carro di buoi. Questo è ormai un must del web al pari delle bufale politiche e delle matite di Pierò Pelù. La differenza è che il cinema ha deciso di sfruttare in chiave natalizia il potenziale dei micioni dagli occhi grandi. Una vita da gatto si distingue per un cast stellare, ma è melenso e anche poco originale. Personaggi che si scambiano l’identità fra di loro o con un animale, non sono una grande novità nel panorama cinematografico. Se gag e battute a volte funzionano, non coprono la mancanza di originalità di un film pensato per un target di adolescenti gattari.
A Natale funziona pure il Kitekat, basta che non sia Cinema.

 

Raffaele Palumbo

Author: Raffaele Palumbo

Figlio non riconosciuto di Virginia Woolfe e Irvine Welsh, fu concepito nella peggiore toilette della Scozia la notte in cui il Muro di Berlino cadde nel Cielo Sopra Berlino. Ama scippare alle poste, fare l'aperivita fra Corso Como 10 e il Frida, trollare sul web. Dopo aver donato il fegato ai peggiori bar di Caracas si è laureato in Lettere Moderne all'Università Federico II di Kagoshima corrompendo tutti i prof. col frutto dei suoi scippi. Nella vita si occupa di tecnologia e umorismo. È bipolare. Non vede i refuusi.

Share This Post On