UN’OCCASIONE DA DIO

 

Un’Occasione da Dio (Absolutely Anything) arriva finalmente, con tutto il suo carico di primizie, dall’ultima dei Python a, purtroppo, l’ultimissima di Robin Williams. Ne è valsa la pena? Ecco il nostro giudizio…

Titolo or.: Absolutely Anything Regia: Terry Jones. Interpreti: Simon Pegg, Kate Beckinsale, Sanjeev Bhaskar, Rob Riggle, Eddie Izzard, Monty Python, Robin Williams. Genere: commedia. Durata: 85 min. Nazione, anno: GBR, 2015. Uscita: 3 settembre 2015.

UN’OCCASIONE DA DIO – SINOSSI E RECENSIONE

UN’OCCASIONE DA DIO – SINOSSI

Un consiglio intergalattico di alieni decide di radere al suolo il Pianeta Terra perché considerato un inutile pasticcio. Prima di annientarci, però, decidono di dare al nostro pianeta un’ultima occasione: conferiranno a una persona scelta a caso poteri illimitati. Se verranno utilizzati in maniera saggia il pianeta si salverà. Prepariamoci quindi alla fine del mondo perché il terrestre selezionato, purtroppo per noi, è Simon Pegg il cui unico nobile scopo nella vita è andare a letto con Kate Beckinsale.

UN’OCCASIONE DA DIO – VI DICIAMO LA NOSTRA

Finalmente ci siamo. Dopo anni di rumors, anticipazioni e salivazione a mille, Absolutely Anything sbarca sui nostri schermi con il titolo non originalissimo di Un’Occasione da Dio. Perché tutto questo pandemonio? Almeno tre i motivi: il ritorno dei Monty Python sul grande schermo (ok, solo in voce, ma non è che si può avere tutto!), l’addio al grande schermo di Robin Williams (sempre in voce) e Simon Pegg (in carne e ossa!) protagonista in un film di Terry Jones. Se non vi basta, aspettate un cinepanettone, e pussate via!

Terry Jones elucubra su questo progetto da tempo. L’ispirazione gli è venuta da ‘The Man Who Could Work Miracles’, un breve racconto fantasy scritto da H.G. Wells. Jones butta giù subito una sceneggiatura che però langue anni in un cassetto fino a una chiacchierata col produttore Mike Medavoy, con cui Jones aveva già lavorato per Erik Il Vichingo. È la scintilla che tutti aspettavano. Che incendio è venuto fuori da questa scintilla? Una buona commedia senz’altro, veloce e gradevole. Molto poggia su una sceneggiatura funzionale e sulla simpatia di Simon Pegg. Ma si capisce anche che c’è un budget adeguato alla bisogna di un film con implicazioni fantascientifiche. L’impronta dei Python e  di Jones ovviamente c’è e si sente il giusto. E, a proposito di “sentire”, ascoltare in originale le voci dei Python e di Robin Williams aggiunge emozione al divertimento.

Author: Redazione

Share This Post On